linea andamento azioni

Comprare azioni Nexi conviene? Guida completa ed aggiornata 2022

È da un po’ che pensi di comprare azioni Nexi ma non hai mai approfondito le informazioni sulla società o in merito alla quotazione? Allora questa è la guida giusta per te.

AZIENDANEXI
✅CODICE ISINIT0005366767
📊SETTOREFintech
📉SEGMENTOMTA 1
📌TICKERNEXI
🚩PAESEItalia
💲CAPITALIZZAZIONE€ 11,91 Miliardi

Nexi è una giovane azienda italiana, nata a Milano nel 2017 e in pochissimo tempo rivelatasi al mondo come un astro nascente. In appena due anni è arrivata a registrare un fatturato multimilionario, e ad essere quotata in borsa, sul FTSE MIB di Milano.

All’interno del nostro approfondimento andremo ad analizzare differenti aspetti su questa realtà in continua espansione. Una prima parte, completamente dedicata alla storia ed al modello di business, sarà seguita dalla presentazione di nuove metodologie di negoziazione online.

Parleremo poi dei migliori broker su cui è possibile negoziare azioni Nexi, primo tra tutti eToro. Questo broker infatti presenta numerosi vantaggi che analizzeremo più nei dettagli nei prossimi paragrafi e offre la possibilità sia di acquistare le azioni dell’azienda sia di negoziarle tramite i CFD.

Clicca qui per comprare azioni Nexi su eToro

Azioni Nexi Quotazione e Prezzo Tempo Reale

Iniziamo la nostra analisi osservando il grafico in tempo reale delle azioni Nexi e i suoi principali dati finanziari.

 

 

  • Capitalizzazione: € 11,91 Miliardi
  • Rapporto P/E: 80,80
  • Fatturato: € 1,04 Miliardi
  • Utile netto: € 245.8 Milioni

Storia aziendale Nexi

La storia di Nexi inizia ufficialmente il 10 novembre 2017, quando due colossi italiani, ICBPI e Carta Sì, decidono di unirsi con l’intento di costruire una solida realtà fondata sui pagamenti digitali.

La nuova realtà ha potuto così beneficiare di diversi canali e filiali, i quali hanno permesso a Nexi di rafforzare la propria posizione, attraverso la gestione di ATM, e di compiere operazioni merchant services, corporate banking interbancario e clearing & settlement.

Pochi mesi dopo la sua fondazione, ossia nel luglio del 2018, Nexi ha subito una prima riorganizzazione strutturale, che ha portato alla scissione delle attività di pagamento e di quelle bancarie.

Tutto ciò ha permesso la strutturazione di una biforcazione dei business, formata, da una parte dalla controllata Latino Italy S.r.l, rinominata Nexi, incentrata nelle attività di pagamento, e dall’altra da DEPObank, ossia una divisione societaria autonoma, guidata da un management e da un consiglio di amministrazione indipendente, per le attività bancarie.

Come anticipato, Nexi è nata dalla fusione di ICBPI e Carta si, ripercorreremo qui, brevemente, alcuni dei passaggi più significativi della storia aziendale di Nexi, ICBPI e Carta SI.

  • 1939, su iniziativa di Cremona, Intra, Lecco, Lodi, Luino e Varese, Verona, viene fondato l’Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A.
  • 1986, su iniziativa di ABI e numerosi istituti bancari, viene fondato il brand CartaSI.
  • 2003, il brand CartaSI viene riorganizzato con la fondazione di SI Holding.
  • 2006, l’ICBPI rileva Key Client Cards & Solution da Deutsche Bank.
  • 2007, Si Holding diventa licenziataria italiana di Visa e Mastercard.
  • 2008, l’ICBPI acquista il 79% delle azioni di Si Holding SpA.
  • 2010, l’ICBPI acquista acquista l’attività depositaria di Banca Carige.
  • 2015, Mercury Italy acquista l’ICBPI.
  • 2016, l’ICPBI acquista da intesa Sanpaolo, Setefi e Intesa Sanpaolo Card.
  • 2017, ICBPI e CartaSi, vengono fuse dando origine a Nexi.
  • 2018, Nexi ottiene dalla Banca d’Italia l’autorizzazione alla gestione di servizi bancari (Securites Services e Servizi di Trasmitazione).
  • 2018, Nexi fonda Nexi SpA, per il controllo delle attività di pagamento.
  • 2019, Nexi viene quotata in borsa presso l’indice FTSE MIB di Milano.

Come comprare azioni Nexi

Compresa la storia è ora possibile scoprire dove comprare azioni Nexi

In passato l’unico modo per comprare le azioni di un’azienda era andare in banca, aprire un conto, seguire un complicato iter burocratico e pagare esose spese di commissione.

Adesso, grazie alla diffusione di broker online, la situazione è completamente cambiata. E’ possibile acquistare le azioni di una società direttamente da casa tramite pochi clic, senza pagare nessuna commissione fissa.

Inoltre esistono nuovi strumenti di investimento interessanti e non legati ad un acquisto fisico sugli strumenti finanziari, stiamo parlando dei contratti per differenza.

I CFD, diversamente da altre metodologie di investimento, basano la loro operatività solamente sul gap dei prezzi di ogni specifico assets (nel nostro caso Nexi). In questo modo, dopo aver visionato il grafico Nexi in tempo reale, ed aver ottemperato alle fasi analitiche, il trader ha l’effettiva possibilità di avviare due strategie opposte:

  • Opzione verso l’alto (detta al rialzo) su Nexi con CFD: ossia basata su eventuali aumenti di prezzo e quindi su azioni di acquisto.
  • Opzione verso il basso (detta al ribasso) su Nexi con CFD: ossia basata su ipotetici decrementi dei valori e quindi su azioni di vendita.

Dove comprare azioni Nexi

Oltre ciò, operare attraverso i CFD, significa affidarsi a particolari sistemi di brokeraggio online, chiamati Broker CFD. Due dei migliori, utilizzati quotidianamente da migliaia di traders al mondo, sono eToro e Trade.com. Scopriamoli subito.

eToro

La prima piattaforma, da poter inserire nella nostra guida su comprare azioni Nexi, è [broker_link broker=”etoro” anchor=”eToro” landing=”home”]. Si tratta di un broker on-line che attualmente conta milioni di utenti certificati e migliaia di recensioni positive in tutto il mondo. Con eToro puoi fare trading su decine di asset come: azioni, indici di Borsa, criptovalute, materie prime e tanto altro.

Su eToro hai due possibilità per investire in azioni Nexi:

  • acquisto effettivo del titolo, che comporta l’accesso alla distribuzione dei dividendi e il possesso di una piccolissima parte dell’azienda stessa;
  • trading tramite CFD che permette di guadagnare sia in caso di rialzo che di ribasso del valore delle azioni Nexi (a patto che si siano fatte le giuste previsioni)

 eToro è un broker affidabile in quanto regolamentata da CySEC, ossia l’autorità di regolamentazione finanziaria del Cipro. 

Se questa è la prima esperienza di trading online, sei davvero fortunato a provare eToro!. Attraverso questa piattaforma avrai a disposizione un conto demo, con il quale poter simulare tutte le possibili strategie di negoziazione sui titoli e, allo stesso tempo, accrescere le capacità operative, senza il rischio di perdere soldi reali.

Tra le molteplici funzioni che eToro mette a disposizione, vogliamo segnalarti una vera e propria innovazione, ovvero il Copy Trading. Si tratta di un meccanismo unico, che permette di copiare strategie operative, effettuate da altri investitori, attraverso un semplice click.

Questa funzione consente ad ogni utente di copiare letteralmente il portafoglio di investimenti di altri operatori che hanno già ottenuto buoni risultati. Quali sono i passaggi per avviare il Copy Trading? Eccoli:

  • Il punto iniziale riguarda la registrazione su eToro, da effettuare in pochissimi minuti, attraverso l’apposita pagina ufficiale.
  • Entrati nel profilo, si avrà la possibilità di individuare i Popular Investor, sulla base di indicatori di redditività, di propensione al rischio o sulla personale popolarità nella community.
  • Avviata la copia, tutte le azioni (modifiche, aperture e chiusure) effettuate dal traders professionista, verranno automaticamente aperte anche sul proprio portafoglio.

Iscriviti qui su eToro e negozia le azioni Nexi con il Copy Trading

Trade.com

Una seconda piattaforma valida, professionale ed in possesso delle dovute autorizzazioni per prestare servizio nel nostro territorio, è Trade.com. Nata nel corso degli ultimi anni, ha sin da subito saputo convincere operatori del mercato, traders esperti o semplicemente appassionati di trading. Entrando all’interno della piattaforma, colpisce fin da subito la semplicità dell’interfaccia e la basilarità delle operazioni.

Anche Trade.com mette a disposizione un conto demo, chiamato Simulatore di Borsa, su cui potersi esercitare prima di investire con soldi reali, senza limiti di tempo.

Un secondo punto di forza di Trade.com riguarda i materiali formativi messi a disposizione degli utenti gratuitamente. Questi materiali, utili sia per negoziatori esperti che per neofiti del settore presentano molte informazioni teoriche sul trading online ed esempi pratici, scritti in modo chiaro e costantemente aggiornati da veri professionisti del settore.

Clicca qui per scoprire i corsi di Trade.com

Comprare azioni Nexi

Comprare azioni Nexi Conviene?

La storia di Nexi e dei suoi precursori ICBPI e Carta SI, ci permette di tracciare un profilo aziendale e di individuare eventuali punti di forza e punti di debolezza della società, e di conseguenza dei titoli dell’azienda.
Cerchiamo quindi di identificare vantaggi e svantaggi legati all’acquisizione di questi titoli.

Partendo dalla storia aziendale, Nexi è relativamente giovane, le sue azioni sono quotate in borsa da poco più di un anno. Questo, in realtà, è sia un vantaggio che uno svantaggio. Se da un lato ci permette di interfacciarci con azioni di un brand emergente, dall’altro, invece, abbiamo poche informazioni reali sull’andamento su larga scala.

Dobbiamo però considerare che, se questa azienda è percepita come una sorta di start-up, è anche vero che nasce da due aziende con una storia finanziaria più che decennale. Uno dei grandi vantaggi del titolo Nexi riguarda il settore in cui l’azienda opera.

Come abbiamo ripetuto più volte nella guida, Nexi è una società che opera nel campo dei pagamenti, delle carte di pagamento e dei servizi bancari. Si tratta di un mercato solido, che difficilmente entra in crisi, e quando lo fa, c’è sempre qualche istituto bancario pronto ad intervenire, con operazioni di soccorso o acquisizione.

Altro punto di forza del titolo Nexi è la rete interbancaria, con cui si interfaccia quotidianamente, e che permette all’azienda di gestire transazioni di diversi miliardi di euro.

Modello di Business Nexi

Attualmente Nexi, svolge funzione di holding, controlla le società Nexi Payments SpA, Mercury Payment Service ed Help Line ed è a sua volta gestita dalla holding britannica Mercury UK Holdoc Limited, a sua volta controllata da Advent, Bain Capital e Clessidra.

Questo intreccio societario non deve sorprendere, si tratta infatti di una strutturazione aziendale abbastanza ricorrente nelle grandi corporazioni bancarie.

Ripercorriamo velocemente gli enti che hanno dato origine a Nexi così com’è oggi.

  • ICBPI

ICBPI è stato un istituto bancario, nato dalla collaborazione delle banche popolari di Cremona, Intra, Lecco, Lodi, Luino e Varese, Verona. L’intento dell’istituto era quello di coordinare le attività delle banche popolari e fornire servizi di supporto a coloro che nel tempo avrebbero aderito all’istituto.

L’immensa rete bancaria dell’Istituto, ha dato ad ICBPI la forza, e soprattutto la liquidità necessaria, per compiere, soprattutto in tempi recenti, diverse acquisizioni importanti, come ad esempio quella su Key Client Cards & Solutions (avvenuta nel 2016), fino a quel momento controllata dal colosso tedesco Deutsche Bank. Con questa acquisizione l’istituto si è ritrovato a controllare issure di circa 1.3 milioni di carte di credito, poggiate su circa 450 banche, ed a gestire circa 150,000 POS.

Nell’ottica di un piano di espansione, legato al controllo dei sistemi di pagamento elettronici, nel 2008 l’istituto acquisì la maggioranza delle azioni di S.I. Holding, che all’epoca controllava CartaSi S.p.A., Si Servizi S.p.A., Si Call S.p.A., Carta Facile S.p.A, CartaSi Capital S.p.A. e SiRe Business Services LTD.

Nel 2010, infine, l’istituto giunse ad un accordo con Banca Carige, da cui ottenne, al costo di circa 19,5 milioni di euro, l’attività di banca depositaria.

La parentesi espansiva dell’ICBPI sembrerebbe concludersi qui, poiché nel 2015 la maggioranza delle quote dell’istituto vennero acquistate da Mercury Italy Srl, per circa 2,15 miliardi di euro. Tuttavia, la vendita a Mercury segna semplicemente un cambio al vertice, ma non la fine dell’istituto che, nel 2016, acquistò da Intesa Sanpaolo le controllate Setefi e Intesa Sanpaolo Card, per circa 1 miliardo di euro.

  • Carta Sì

Nel 1986 ABI, l’associazione bancaria italiana, insieme ad altri 16 istituti bancari italiani ed altri istituti centrali di categoria, fondò il brand di servizi interbancari CartaSI, con la costituzione di CartaSI SpA.

L’obiettivo del brand divenne sin da subito quello di diffondere in Italia l’uso della carta di credito, dei bancomat, e successivamente delle carte prepagate, come strumento di pagamento. Durante la seconda metà degli anni ottanta e i primi anni novanta, numerosi istituti bancari italiani si associarono al brand CartaSI, portando il totale dei soci a circa 97. Nei primi anni del 2000, più del 50% delle carte presenti in Italia erano controllate da CartaSi.

Nel 2003 il brand venne riorganizzato con la creazione della holding SI Holding SpA e nel 2004 venne creata CartaSI SpA, ossia la divisione aziendale che si sarebbe occupata dell’emissione di carte di credito. Nel 2007, se ne contavano circa 7 milioni.

Giunti al 2008 i principali azionisti della holding bancaria erano: Intesa SanPaolo, MPS e Unicredit, che complessivamente controllavano circa il 76% dell’azienda. Nonostante ciò, un anno dopo, il principale azionista divenne ICBPI, con il controllo e l’acquisizione del 79% delle azioni.

  • Nexi

Giunti al 2017, l’ICBPI, controllato da Mercury Italy, si fuse completamente con la sua controllata più importante, Si Holding, dando così origine al nuovo istituto leader in Italia nel campo dei pagamenti, del digital banking e delle carte di credito.

La nuova società, con esperienza decennale nel settore, ottenne sin da subito il controllo di circa 41,3 milioni di carte di pagamento, divise tra carte di credito, bancomat e prepagate. Nel 2018 dichiarò di aver gestito transazioni per circa 446 miliardi di euro, e di aver assicurato alla compagnia, un fatturato, nello stesso anno, di circa 856 milioni di euro.

Il costo delle sue azioni è progressivamente aumentato nel tempo, partendo da valori iniziali di circa 8,30€, del 18 aprile del 2019, data di ingresso in Borsa, fino a raggiungere uno dei punti massimi a 16,15€, registrato il 21 febbraio 2020. Questi numeri sono resi possibili grazie alla presenza in Italia di circa 13,5 mila ATM ed oltre 1,4 milioni di POS, utilizzati da circa 890 mila attività commerciali e 420 mila imprese che accettano pagamenti elettronici.

Previsioni azioni Nexi 2022

Ciò che gli analisti, o i migliori traders al mondo cercano di fare, è anticipare le mosse del mercato, per intuire le direzioni future all’interno della quotazione. Nonostante tutto ciò sia molto complesso, esistono molti strumenti interessanti, in grado di aiutare nel processo analitico.

Il punto di partenza, per ogni negoziatore che si rispetti, è la visione del grafico dei dati storici. 

Sebbene il titolo abbia subito un tonfo all’inizio della pandemia, in pochi mesi ha ripreso la sua risalita.

Ad oggi i maggiori analisti sono ottimisti riguardo il titolo Nexi. Sebbene continui ad avere degli alti e bassi sono convinti che nel tempo porterà ad interessanti risultati.

Competitors Nexi

All’interno del più complesso sistema finanziario globale, è importante considerare che Nexi rappresenta solamente uno dei tanti Player inseriti all’interno del mercato. Nel corso degli anni, molte realtà simili hanno cercato di incrementare ulteriormente la propria quota di mercato, inserendo servizi innovativi, basati anche su altri canali di pagamento. Vediamo i principali competitors del gruppo Nexi:

  • N26: si tratta di un’istituto bancario in forte crescita. Fondato in Europa, precisamente in Germania, e fortemente incentrato nell’offerta di carte di pagamento e servizi digitali. Essendo un forte Player in Europa, rappresenta uno dei maggiori rivali di Nexi.
  • Revolut: è una società finanziaria sviluppatasi nel corso degli ultimi anni. Oltre ad offrire varie aperture di conti, in base alle singole necessità dei clienti, ha da poco incentrato il suo business anche sul settore delle criptovalute. L’inserimento di strumenti crittografici, in un mondo ormai sempre più digitalizzato, permette a questa società di essere considerata fra le più innovative in assoluto.
  • Adyen: si tratta di una società olandese, con oltre 3500 dipendenti e molti anni di esperienza alle spalle. Il suo business di riferimento è quello finanziario ed è da sempre operativa nell’offrire soluzioni di pagamento digitali, tramite dispositivi mobili o altri canali smart.

Dividendo Nexi 2022

Nonostante un utile in positivo negli ultimi due anni (sia 2020 che 2021) Nexi non ha distribuito dividendi e l’utile dell’esercizio è stato riportato a nuovo.

Per il 2022 non abbiamo ancora dichiarazioni ufficiali riguardanti i dividendi, per cui non sappiamo se saranno distribuiti o se si manterranno le decisioni prese negli ultimi due anni.

Appena ci saranno informazioni ufficiali lo comunicheremo sul nostro blog.

Conclusioni

Giunti alle battute finali della nostra guida su comprare azioni Nexi, è ora possibile ricapitolare alcuni passaggi essenziali, da poter tenere bene a mente per operatività future.

Nexi si è dimostrata una società italiana, operante nel settore dei pagamenti e delle carte di pagamento che, in pochissimi anni, grazie ad un’importante rete di partner e all’eredità delle società da cui è nata, è riuscita ad imporsi in Italia come leader nel settore. Fra gli ultimi dati ricordiamo utili per circa 245 milioni di euro.

Oltre ad essere una forte realtà nel mondo dei pagamenti, Nexi rappresenta un vero e proprio strumento finanziario, attraverso la quotazione del suo titolo in Borsa. A tal proposito, all’interno della guida, si ha avuto la possibilità di scoprire innovative metodologie per negoziare su strumenti finanziari sulla base del differenziale dei prezzi (CFD).

Fra le migliori piattaforme di trading presenti online, eToro e Trade.com hanno rappresentato due realtà autorizzate dagli organi di competenza, in possesso di account demo e ricche di funzionalità interessanti.

Clicca qui per provare il Conto Demo di eToro

Quando è stata fondata Nexi?

Nexi è nata nel Novembre 2017 in seguito alla fusione di ICBPI (Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane) e CartaSì.

Chi è il CEO di Nexi?

Il CEO di Nexi è Paolo Bertoluzzo.

Dove comprare azioni Nexi?

All’interno del mercato, contrariamente dagli investimenti tradizionali, legati al possesso fisico delle azioni, esistono nuovi strumenti chiamati CFD. I contratti per differenza permettono di negoziare solamente sulla base della differenza dei prezzi del titolo.

Quali sono le migliori piattaforme online?

Fra le migliori piattaforme online ricordiamo eToro e Trade.com.

Our Score
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]