Galleria d'arte con importanti collezioni

Investimenti nell’arte

Investire in arte, la più intima tra le forme di investimento

L’ultima sezione è indubbiamente la più originale e meno scontata, in quanto dedicata al millenario ma pur sempre attuale comparto artistico: il mondo della finanza si è sempre storicamente basato su materie prime e titoli di grandi società, ma inevitabilmente col passare dei decenni ha anche dovuto tenere il passo della tecnologia, e si tratta di un passo a dir poco frenetico. Per questo oggi il mondo della finanza è sviluppato principalmente online, su piattaforme di trading che consentono svariate possibilità al risparmiatore ma che di fatto spersonalizzano l’atto in sé di investire, spesso anzi delegando per semplicità le reali trattative a banche e broker in grado di gestire liberamente il capitale. In questo l’arte si differenzia invece da tutte le altre tipologie di investimento, in quanto è l’unico mercato (oltre forse a quello elitario dei diamanti) dove l’interessato possiede di fatto un oggetto del quale può anche fruire per uso personale ed estetico.

Sin dai primi albori della nostra specie intera l’arte racchiude in sé la necessità espressiva e comunicativa dell’uomo, un bisogno primordiale e innato, e che ancora oggi rimane tale: per questo motivo a essa è sempre stato riconosciuto un alto valore, simbolico, estetico e inevitabilmente relativo. Nei secoli tuttavia l’arte è sempre stata appannaggio di pochi, solitamente i più ricchi e potenti, gli unici non tanto a potersi permettere le opere, quanto gli unici abbastanza benestanti da potersi concedere il lusso di pensare a tali svaghi piuttosto che a portare il cibo in tavola. Tuttavia essa è sempre stata allo stesso tempo ricercata e creata anche negli strati bassi della società, dando vita nei secoli alle più variopinte forme artistiche. In certi periodi storici, come per esempio durante il paradiso intellettuale del Rinascimento, l’arte è stata al centro dell’idea stessa di civiltà, infiltrandosi festosamente in ogni ambito della conoscenza umana, dall’architettura al semplice artigianato, sviluppandosi attraverso sempre nuovi e multiformi percorsi.

Mostra d'arte moderna
Investendo in arte è possibile fruire anche esteticamente del bene acquistato, senza per questo dimenticarne il valore finanziario intrinseco.

Accessibile, enorme e folle, il colorato mondo dell’arte moderna

In epoca contemporanea essa è da un lato diventata estremamente popolare grazie all’enorme domanda e anche alla sterminata offerta rappresentata dal sempre maggiore numero di artisti, aprendo le sue porte dorate anche al grande pubblico. Dall’altro lato il mondo dell’arte con la A maiuscola è rimasto effettivamente appannaggio dei collezionisti privati, oltre che dei grandi enti artistici e musei internazionali. Si tratta ovviamente di espertissimi conoscitori della storia dell’arte che solitamente da generazioni portano avanti un interesse artistico oltremodo radicato, professionisti del settore ai quali difficilmente il risparmiatore medio potrà mai avvicinarsi, in quanto operano in un mercato esclusivo dove si muovono cifre enormi anche per una sola opera: lo scorso anno per esempio la scultura “Baloon Dog” dell’artista statunitense Jeff Koons è stata venduta alla cifra record di 58 milioni di dollari. Esistono tuttavia milioni di artisti, esordienti o meno, che cercano appunto visibilità e sono ben disposti a vendere le proprie opere venendo incontro alle esigenze del cliente, che se dotato di buon occhio può accaparrarsi per poche centinaia di euro un quadro o una scultura di proprio gusto e dotati di un valore intrinseco da non sottovalutare.

Infatti l’arte può come intitola la pagina essere anche un ottimo investimento, una nuova prospettiva che da non molti decenni è nata e che ha contribuito al ritorno in auge di un settore ora nel pieno di un vero e proprio Rinascimento. Si tratta di un mercato quantomai vivo a livello globale, dove molti appassionati affamati si sono gettati per mettere alla prova il proprio gusto e le proprie capacità: se infatti si scelgono gli artisti giusti, dotati delle caratteristiche idonee, e si riesce a costruire un solido progetto a lungo termine che porti alla creazione di una propria collezione privata, allora una spesa tutto sommato minima potrebbe realmente fornire ottimi guadagni e trasformare una passione in un vero e proprio lavoro. Si tratta ovviamente di un’ipotesi ottimistica, ed emergere in questo mercato non è certamente facile, in quanto l’alta competitività e livello della concorrenza non lasciano molto spazio agli inesperti esordienti, come peraltro in ogni settore della finanza. Lo scarto è che davvero fondamentale per l’esito della questione rimane la capacità personale dell’investitore, il suo gusto, il suo occhio, la sua capacità di cercare gli artisti, trattare e farsi conoscere: in questo senso si tratta di un investimento più autonomo, intimo.

Investire in arte moderna: NAT museum
Museo Blau Barcellona, l’arte moderna è protagonista di un mercato redditizio e quantomai vivace, in grado di fornire ottimi guadagni se affrontato con criterio.

I vantaggi di un settore ancora inesplorato: investire in opere d’arte

Inoltre il risparmiatore può allo stesso tempo come già ricordato nell’introduzione godere esteticamente dei propri acquisti, soddisfacendo quella ricerca e bisogno di bellezza che da sempre ci caratterizzano, ma allo stesso tempo cosciente del valore finanziario delle proprie opere, che in quanto tali potrebbero fornire anche un ottimo ritorno economico, specie se raccolte in una collezione ragionata. Un investimento quindi davvero diverso dagli altri, dove non sono necessari intermediari, costi di gestione, contratti e infiniti calcoli di percentuali e quotazioni, ma solo una sana e sentita passione per l’antico e nobile mondo dell’arte, un capitale adatto allo scopo, un progetto a lungo termine e l’oculatezza e la convinzione di portarlo avanti. In questa pagina verranno dunque pubblicati tutti gli articoli relativi agli investimenti artistici, contenenti le fondamentali nozioni da conoscere per muoversi in questo campo e tutti i consigli più utili e pratici per focalizzare l’attenzione sui parametri realmente importanti, nozioni peraltro difficilmente reperibili online: migliori-investimenti.com è infatti tra i primi siti in Italia a trattare approfonditamente il tema, che ha già una solida base in tutti i Paesi europei ma che nel Belpaese viene poco o per nulla discusso dai grandi media finanziari. Un motivo in più per scegliere questa atipica forma di investimento ancora in un periodo di forte crescita e in grado di offrire molte opportunità di guadagno, specialmente in un Paese come l’Italia, dotato di un patrimonio artistico unico al mondo e dal valore inestimabile. Scoprite quindi come investire in arte in questa utile e chiara sezione.

Arte, un comparto dorato dove investire nel 2018 - Arte e criptovalute tra i migliori investimenti futuri Tra le numerose categorie di asset disponibili oggi per traders e investitori di tutto il mondo sono
Investire sicuro oggi: Art lending - L’arte è tornata in auge sui mercati finanziari oggi Nel variegato mondo dell’arte, dove per investire oggi esistono davvero molte e diverse tipologie di investimento,
Investire in opere d’arte, come muoversi sui mercati nel 2018 - L’arte tra i migliori investimenti del momento In un mondo sempre più globalizzato e tecnologico come quello in cui viviamo è normale che a volte
Investire oggi in arte: online o offline? - Come e dove investire oggi in arte, una scelta non scontata Se a livello finanziario da un lato il mondo dell’arte è indubbiamente il più
Investire in arte dal basso: la rivoluzione di Artbay.it - Elitario e antico, il nobile mondo degli investimenti in arte Il dorato mondo degli investimenti nell’arte è sempre stato, storicamente, un mercato elitario, nobile e