Conti deposito, cosa cambia nel 2018

Negli articoli precedenti abbiamo già parlato dei conti deposito, una particolare forma di conto bancario presente da anni ormai in Italia e in tutto il mondo e considerata tra le più sicure in assoluto. Si tratta in pratica di un contratto stipulato con l’istituto di credito in base al quale il risparmiatore decide di investire i risparmi nella banca stessa, che detiene dunque il diritto di investirli restituendo al correntista la totalità dell’importo più un tasso solitamente tra l’1% e il 2% dopo un periodo compreso tra 1 e 36 mesi.

Investimenti sicuri: cosa sono i conti deposito

Un investimento quindi semplice, a lungo termine, relativamente poco redditizio ma estremamente sicuro. Tutto dipende ovviamente dalla banca scelta e dalla relativa solidità, un fattore scontato fino a qualche anno fa ma che oggi sembra anzi essere un vanto di pochi istituti prediletti.

Conti deposito
L’incertezza dei mercati finanziari europei non intacca la solidità dei conti deposito.

In generale sull’Occidente e sui mercati finanziari di tutta Europa infatti il clima di incertezza continua a pesare sulle piazze d’affari del Vecchio Continente, in special modo sul comparto bancario del Belpaese che ha iniziato il 2018 con una grave bocciatura arrivata direttamente dagli analisti della Banca centrale europea. Inoltre la Brexit, Trump, le tensioni con la Corea del Nord, la vittoria di Macron alle elezioni francesi, tutti eventi che hanno contribuito e stanno tuttora contribuendo agli alti e bassi grafici. Tornando al Belpaese il comparto bancario ha visto un 2016 di fuoco, dove i fallimenti di Monte dei Paschi di Siena e Banca Etruria rappresentano solo la punta dell’iceberg, mentre in realtà è stata messa a nudo sulla scena internazionale la grande vulnerabilità e fragilità di un sistema bancario che per troppo tempo è sembrato incrollabile. A dimostrare questa tesi è arrivata di recente anche la sentenza della prestigiosa Dbrs che ha abbassato il rating italiano da A a BBB, mentre ancora non sono chiari piani della Bce circa le prossime manovre in tema di Quantitative Easing: nonostante la mano larga di Francoforte infatti il clima di incertezza sembra destinato a durare ancora: la stessa elezione di Macron ha portato a pesanti prese di profitto sull’euro che ha perso terreno in borsa negli scorsi giorni, mentre ancora rimane l’incognita delle elezioni parlamentari di giugno che ancora pesa sul nuovo premier francese.

Investire oggi nei conti deposito: vantaggi e svantaggi

In ogni caso quanto finora accennato non dovrebbe avere un grande impatto sui conti deposito, né influenzare in particolar modo le offerte relative agli investimenti a breve termine. Questo pratico e sicuro strumento di risparmio infatti è solitamente al riparo dagli scossoni dei grafici o dei mercati azionari, ma l’attuale difficile situazione economica in Europa sarà prima o poi percepita anche in questo comparto. Ma quindi conviene investire in conti deposito nel 2018? La domanda sorge spontanea ed è lecita, ma la risposta si presenta certamente complessa: osservando i tassi di interesse attuali dei più diffusi migliori conti deposito infatti ci si rende conto che sono decisamente più bassi rispetto agli ultimi anni, un fattore penalizzante che di primo impatto porterebbe l’investitore a cercare altre tipologie di investimenti sicuri più redditizie. D’altro canto i conti deposito ormai sono contratti che non comportano alcun costo per il correntista, e in questo senso in ogni caso, e nonostante i tassi più bassi, essi rappresentano una valida alternativa rispetto ai semplici conti correnti, senza contare la totale solidità del reparto.

Investire oggi conti deposito
Un investimento sicuro che cresce col tempo: i migliori conti deposito del 2018.

Se poi i conti correnti sono dotati di linee libere, i conti deposito oggi presenti sul mercato sono dotati di linee vincolate decisamente più elastiche di quelle degli ultimi anni, e permettono di fatto all’investitore di riottenere la disponibilità del capitale versato senza il pagamento di alcuna penale, oltre a un tasso di interesse prestabilito a cui si ha diritto per tutto l’intervallo di tempo nel quale la liquidità è stata investita. Infine al giorno d’oggi molti contratti prevedono la liquidazione degli interessi maturati in anticipo, lasciando poi la scelta all’interessato su come usare la somma guadagnata, se incassare oppure continuare a investire in prospettiva di maggiori guadagni. Insomma uno strumento forse meno conveniente che in passato ma certamente interessante e versatile da molti punti di vista, primo tra tutti la quasi nulla percentuale di rischio insita in questa tipologia di investimenti.

Uno dei migliori strumenti per investire online è ForexTB. Clicca qui e accedi direttamente alla pagina di ForexTB. Perché diciamo che ForexTB è la migliore piattaforma online per fare investimenti? ForexTB è semplice da usare, non applica commissioni e consente di investire sia al rialzo che al ribasso. Per aprire un conto DEMO GRATUITO con ForexTB, clicca qui >>

Our Score
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]