comprare azioni walmart

Comprare azioni Walmart | Guida completa

Se credete che comprare azioni Walmart non significhi investire in uno dei settori a maggiore espansione a livello globale, state commettendo un grande errore.

AZIENDAWALMART
📌CODICE ISINUS9311421039
📈MERCATONyse
📊SETTOREGdo
💰TICKERWMT

Contrariamente a quanto si può pensare, non sono i gruppi petroliferi, farmaceutici o automobilistici a detenere il primato di aziende con maggiore fatturato, ma è il comparto della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) a essere fra i più sviluppati e forti sul mercato.

Walmart è la più grande catena di distribuzione a oggi esistente. Oltre 12 mila negozi sparsi in 28 paesi in tutto il mondo e 559 miliardi di dollari generati dalle vendite nel 2020 potrebbero essere un buon motivo per comprare azioni Walmart.

Prestiamo molta attenzione però alle modalità di negoziazione e orientiamoci sulle piattaforme online a commissioni zero, con servizi innovativi, strumenti di analisi tecnica avanzati e regolamentate da organi competenti che ci tengono al sicuro da truffe.

Nella tabella sottostante vi presentiamo alcuni fra i migliori broker operativi sui principali mercati, tutti regolamentati dalla licenza Cysec.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec
    • Social Trading (Copia i migliori)
    • Semplice ed intuitivo
    **Terms and Conditions apply. **68% of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider. You should consider whether you can afford to take the high risk of losing your money
  • Broker: Plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Piattaforma professionale
    • Demo gratis
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Trade.com
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi gratuiti
    • Demo gratis
    *Il 72,30 % di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre l’elevato rischio di perdere il suo denaro. **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Iqoption
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec
    • Demo Gratuita Illimitata
    • Deposito minimo basso
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Xtb
    Deposito Minimo: NA €
    Licenza: Cysec
    • Demo Gratuita
    • Gruppo Whatsapp
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)

Azioni Walmart Quotazione in tempo reale

Cominciamo la nostra analisi osservando il grafico con la quotazione in tempo reale del titolo Walmart.

 

  • Capitalizzazione: $ 393.63 Miliardi
  • Rapporto P/E: 29.48
  • Fatturato: $ 559,2 Miliardi

Storia aziendale di Walmart

Tutto inizia nel 1945 in Arkansas quando Sam Walton, dopo alcuni anni di impiego come commesso, decide di affittare una filiale di negozi. La sua idea era vendere i prodotti a prezzi bassi, ottenendo un margine di profitto inferiore ma con volumi di vendita maggiori e un fatturato sicuro.

Allo scadere dei cinque anni le entrate passano da 105.000 Dollari del primo anno a 250.000. Ma questa è anche la scadenza del contratto di locazione dei locali.

Sam non riesce a trovare un accordo di rinnovo con il proprietario e abbandona i fabbricati aprendo però a Betonville, al 105 di N. Main Street, un nuovo negozio che al tempo venne denominato “Walton’s Five and Dime”, e che attualmente è il Walmart Museum.

Da quel momento in poi l’espansione dell’attività non ha trovato più ostacoli. Il primo Walmart Discount è del 1964 a Rogers (Arkansas), e cinque anni dopo il numero di negozi è già passato a 24 nel solo Arkansas.

A partire dal 1968 la società inizia a uscire dai confini dello Stato per approdare in Missouri e Oklahoma assumendo il nome Wal-Mart Inc poco dopo modificato in Wal-Mart Stores Inc.

In brevissimo tempo trovano occupazione 1.500 dipendenti e le vendite sfiorano i 45 milioni di Dollari. Quando la società si colloca alla Borsa di New York nel 1972, è già operativa in cinque stati USA.

Gli sviluppi

Gli anni ‘80 vedono l’azienda aumentare ulteriormente il fatturato annuo. Nel 1987 le vendite arrivano a quasi 16 miliardi di Dollari, distribuite su 1.198 negozi. Sempre nello stesso anno viene completata la rete privata satellitare che consente alla sede centrale di tracciare vendite e scorte comunicando in tempo reale con tutti i negozi.

Tre anni dopo estende la propria presenza in California e Pennsylvania raggiungendo il primo posto della classifica dei rivenditori americani.

Un’espansione senza sosta, dunque, che nemmeno la morte del suo fondatore nel 1992 riesce a rallentare. Subentrati nella gestione aziendale la moglie e i tre figli, Walmart continuerà a segnare la propria presenza in Canada, Messico, Brasile e Argentina.

La seconda metà degli anni ‘90 vede Walmart impegnata nella conquista dell’Europa. Tentativo che in realtà non produsse gli esiti sperati, infatti l’acquisizione della catena tedesca di supermercati Werkauf si concluse nel 2006 con la cessione di tutti i negozi alla Metro.

La politica del prezzo basso evidentemente non venne assimilata dal mercato retail tedesco. Migliore fortuna ebbe invece l’acquisizione della Britannica ASDA nel 1999, che ancora oggi fa parte dell’azienda, nonostante il tentativo di cederla nel 2018, bloccato poi dall’antitrust.

La più grande azienda americana

L’ingresso nella lista Fortune 500 risale al 2002, quando con 219 miliardi di Dollari è acclamata come la più grande azienda americana.

Nel 2005 troviamo Walmart impegnata nel sociale e nell’ambiente. In occasione dell’uragano Katrina mette a disposizione la sua rete logistica, 1500 camion di merci e 100 mila pasti, con la promessa di inserire nel proprio organico gli sfollati.

Nello stesso anno inizia il proprio impegno nel miglioramento dell’efficienza soprattutto attraverso fonti energetiche rinnovabili e nella riduzione della produzione dei rifiuti solidi.

Queste iniziative comportano un miglioramento dell’efficienza energetica dei punti vendita e un conseguente un risparmio di 15 milioni di Dollari all’anno con un esubero di energia elettrica che può essere rivenduta.

Dal 2009 a oggi Walmart continua inesorabile la propria espansione, conquistando il Giappone e il continente Africano rilevando il 51% della catena Massmart Holding, attraverso la quale è in grado di di controllare tutti i punti vendita del Sud Africa.

Nel 2010 acquista Vudu per 100 milioni di Dollari, la società di video streaming. Nello stesso anno rileva i 147 negozi dei Netto UK, andando a incrementare la propria posizione nel Regno Unito e diventando qui la seconda catena dopo Tesco.

I nuovi obiettivi ecommerce

Gli obiettivi espansionistici di Walmart, tuttavia, non si fermano ai punti vendita fisici. Nel 2016, infatti, acquista per 3,3 miliardi di Dollari la piattaforma di commercio online Jet.com, e successivamente il 77% dell’omologa indiana Flipkart, per un impegno economico complessivo di 16 miliardi di Dollari.

In sintesi, attualmente il gruppo Walmart opera sia in punti vendita fisici che online. Gli oltre 2,2 milioni di dipendenti sono distribuiti in 27 paesi in tutto il mondo che raggruppano 55 insegne. 1,5 milioni di collaboratori sono operativi soltanto negli Stati Uniti. Il commercio elettronico, invece, si articola in 10 paesi.

A corollario delle proprie attività, Walmart offre ai clienti retail servizi digitali evoluti, quali sistemi di pagamento e app, oltre a servizi di spedizioni efficienti.

Come comprare azioni Walmart

Le azioni Walmart seguono un trend ascendente abbastanza stabile, sono caratterizzate prevalentemente da una bassa volatilità e limitate variazioni di prezzo. Il loro possesso è indicato per gli investitori con un profilo di rischio moderato che optano per guadagni costanti anche se non particolarmente elevati.

Questo assetto azionario, tuttavia, non esclude assolutamente che una piattaforma di trading online avanzata sia per noi la soluzione più adatta.

Perché, infatti, rivolgerci a una banca per comprare azioni Walmart e pagare inutili commissioni di negoziazione? 

Inoltre, un altro svantaggio della banca è dato dal fatto che attraverso questo tramite per iniziare ad investire è necessario avere  un capitale piuttosto consistente.

Attraverso le piattaforme online, invece, è possibile investire piccoli capitali senza pagare commissioni fisse.

Inoltre, queste piattaforme consentono di investire in un titolo attraverso i CFD, ossia dei Contratti per Differenza che permettono di guadagnare sia sul rialzo che sul ribasso di un titolo.

Dove comprare azioni Walmart

Il miglior broker online per comprare azioni Walmart è senza dubbio eToro. Si tratta di una piattaforma con zero commissioni, regolamentata CySec, che dà la possibilità di aprire un conto demo da 100 Dollari virtuali gratuito con cui fare esperienza.

eToro è la piattaforma migliore per iniziare a guadagnare negoziando migliaia di azioni e strumenti derivati (CFD) quotati sulle Borse di tutto il mondo.

Infatti, oltre alle caratteristiche già elencate, eToro fornisce una classifica costantemente aggiornata dei trader attivi sulla propria piattaforma che ottengono le migliori performance.

Leggetela con cura e scegliete il trader con il migliore rendimento e la maggiore costanza di risultati. Cliccate l’opzione Copy, stabilite le quote di capitale che volete assegnare alle operazioni e replicate automaticamente l’operatività del vostro trader preferito.

L’80% degli 3,5 milioni di account registrati su eToro registrano un saldo positivo anche grazie a questa inedita opzione offerta dal broker.

Apri un conto demo su eToro e copia le performance dei migliori trader

COMPRARE AZIONI WALMART

Comprare azioni Walmart conviene?

Molti, arrivati a questo punto, si staranno chiedendo se effettivamente comprare azioni Walmart conviene.

La risposta è sicuramente positiva, in quanto Walmart è la più grande catena del settore GDO (Grande Distribuzione Organizzata) al mondo. 

I suoi negozi e magazzini al dettaglio (comprensivi anche dei Sam’s Club) si dislocano negli USA, Canada, Messico, Argentina, Cile, Brasile, Giappone, Regno Unito e India, sia con una gestione diretta che attraverso controllate.

Nei suoi discount, supermercati e ipermercati si può trovare quasi tutto: alimentari innanzitutto, ma anche abbigliamento e accessori, arredamento, gioielleria e bigiotteria, elettronica di consumo, elettrodomestici, prodotti farmaceutici e parafarmaceutici e autovetture. In Europa non sono presenti catene appartenenti al comparto GDO che presentino una tale varietà di prodotti offerti.

Con un fatturato nel 2020 di oltre 559 miliardi di Dollari si colloca nella classifica come prima azienda e organizzazione aziendale mondiale nel comparto retail.

Impiega più di 2 milioni di dipendenti operativi su 3 continenti e sviluppa la propria attività anche attraverso diverse piattaforme di eCommerce. La più frequentata è walmart.com che dichiara la cifra da capogiro di 100 milioni di visitatori unici mensili.

Modello di Business

La sua struttura è organizzata in quattro aree specifiche:

  • Walmart US operativa attraverso Discount, Suopercenter, mercati di vicinato e 150 centri di distribuzione.
  • Walmart International, con oltre 5.900 punti di vendita al dettaglio attivi fuori i confini statunitensi.
  • Sam’s Club US, ovvero 600 club americani e 200 internazionali. Soltanto la sezione americana registra 100.000 soci.
  • Ecommerce USA Walmart, ovvero il comparto ecommerce che oltre la piattaforma principale walmart.com, comprende la già citata Jet.com, Flipkart.com, Hayneedle.com (specializzata in arredo casa), Shoes.com, Moopsejaw, Bonobo e ModCloth (specializzati in abbigliamento e accessori).

Per quanto riguarda l’azionariato, invece, fin dai suoi esordi il gruppo è sempre rimasto saldamente nelle mani della famiglia di origine. Anche la morte del fondatore non ha variato questo assetto azionario.

Per il 51% l’azienda è controllata dalla famiglia, il cui pacchetto azionario è suddiviso fra i sei eredi di Sam Walton. La famiglia Walton è fra le più ricche del pianeta.

Sono presenti nell’azionariato quote minime o marginali di importanti fondi di investimento (Vanguard, Dodge, SPDR, Black Rock) che tuttavia non sono in grado di destabilizzare il controllo assoluto che la famiglia detiene da sempre sull’azienda.

Competitors

Prima di comprare azioni Walmart è opportuno fare alcune valutazioni riguardo i suoi concorrenti.

In prima linea, ovviamente, troviamo Amazon, che con un fatturato di 233 miliardi ottenuto unicamente dal commercio online, è ancora lontana dai numeri di Walmart, tuttavia è in grado di assorbire molte quote di mercato retail.

Seguono nell’ordine di fatturato le americane Home Depot, Target Corporation, il gruppo tedesco Metro, la britannica Tesco, l’ecommerce cinese Alibaba con i suoi 53,37 miliardi di Dollari di fatturato, e per finire le catene americane Best Buy (specializzata nella elettronica di consumo), Macy’s e Kohl’s.

Previsioni 

Le azioni Walmart sono quotate nella Borsa di New York. A partire dal suo esordio nel 1972 il titolo ha sempre mostrato un trend positivo, senza grandi scostamenti di prezzo.

Soltanto nel 1997 il suo prezzo ha avuto un incremento rilevante e improvviso, per poi ricollocarsi sul proprio trend di crescita lenta e graduale.

A partire dagli anni 2000 l’andamento generale delle azioni Walmart riflette comunque le periodiche instabilità dei mercati con ritracciamenti e decise riprese  del prezzo. Dopo il pesante ribasso del 2015, sembra avere ripreso forza consolidando importanti supporti a sostegno del proprio trend ascendente.

Nel 2020 l’epidemia di coronavirus Covid-19 ha trascinato il mercato in territorio ribassista, ma le azioni di Walmart hanno resistito.

Anche nel 2021, quindi, Walmart continua a presentarsi come un titolo solido che va in controtendenza nei periodi di crisi. Il che è dimostrato anche dall’ottimista target price di 153,66 $. 

Dividendo

Ogni anno Walmart rilascia ai suoi azionisti un piccolo dividendo, che potrebbe risultare come un’ulteriore spinta ad investire in questo titolo.

Anche quest’anno, a marzo, è stato rilasciato un dividendo di $ 0,55.

Conclusioni

Il titolo Walmart sembra non conoscere ostacoli alla propria crescita. L’espansione in termini numerici di punti vendita dislocati sull’intero pianeta si snoda parallelamente a una costante crescita del valore del titolo.

Dividendi sicuri e alti e l’appartenenza al comparto GDO sono i due elementi chiave che sostengono la decisione di comprare azioni Walmart.

Scegliere una piattaforma affidabile e certificata è la strada migliore sia per chi intende sfruttare un assetto da cassettista e sia per chi intende utilizzare i brevi scostamenti di prezzo ottenendo guadagni nel brevissimo periodo.

In entrambi in casi, le commissioni zero, la certificazione CySec, l’apertura di un conto demo gratuito da 100 mila Dollari e la possibilità di copiare le rendite dei migliori trader, sono opportunità che chiunque intenda comprare azioni Walmart e strumenti derivati (CFD) dovrebbe tenere a mente. eToro possiede sicuramente tutte queste caratteristiche.

Non muoverti a caso nella scelta del tuo broker. Trova la soluzione migliore che fa per te.

Scegli eToro per le tue negoziazioni a commissioni gratuite
Cos’è Walmart?

Walmart è la più grande azienda attiva nella grande distribuzione. Possiede 12 mila negozi fisici sparsi in 28 paesi, oltre che una rete ecommerce sempre più sviluppata.

Comprare azioni Walmart conviene?

Walmart è sempre stata un’azienda stabile, in grado di far fronte alle crisi senza riscontrare gravi perdite, come ha dimostrato nel 2020 nel periodo di crisi legata al covid. Dunque inserire Walmart all’interno di un portafogli di investimento ben differenziato è sicuramente una mossa conveniente.

Come comprare azioni Walmart?

Il modo migliore per comprare azioni Walmart è attraverso broker sicuri e certificati come eToro.

Our Score
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]