comprare azioni abbvie

Comprare azioni Abbvie: Guida completa ed aggiornata

In questa guida presenteremo in maniera esaustiva tutto ciò che c’è da sapere per comprare azioni AbbVie.

Leggendola con attenzione potremo farci un’idea chiara della situazione attuale del titolo e delle sue prospettive future, al fine di individuare un nostro piano di investimento senza correre inutili rischi e massimizzando i nostri profitti.

Aspetto fondamentale di ogni investimento azionario, la scelta del Broker giusto. Solo attraverso Piattaforme certificate come eToro sarà possibile investire al meglio e senza nessuna commissione fissa.

Migliori Piattaforme per comprare azioni AbbVie

Di seguito la lista con i migliori Broker in Italia attraverso i quali operare in modo sicuro e senza costi fisse sui principali titoli azionari.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec
    • Social Trading (Copia i migliori)
    • Semplice ed intuitivo
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    **Terms and Conditions apply. **76% of retail CFD accounts lose money
  • Broker: Investous
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Segnali SMS
    • Leva fino a 400 per trader professionisti
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Piattaforma professionale
    • Demo gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Trade.com
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi gratuiti
    • Demo gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)

Comprare azioni AbbVie: una visione di insieme

Comprare azioni AbbVie può rappresentare un’ottima opportunità di investimento nel settore farmaceutico e di diversificazione del nostro portafogli titoli. AbbVie è una società con tutti i requisiti necessari per essere considerata solida, con una storia aziendale eccellente e incoraggianti prospettive di crescita.

Proseguendo nell’articolo vedremo nei dettagli le ragioni per cui può essere conveniente comprare azioni AbbVie. Il gruppo è attivo nella ricerca e nello sviluppo dei farmaci medicali, con una distribuzione capillare dei propri prodotti in oltre 170 paesi del mondo e un fatturato di 23 miliardi di dollari di media all’anno.

Numeri molto interessanti che se riferiti a una realtà dinamica attiva in campi di ricerca in rapidissima evoluzione, ci suggeriscono che comprare azioni AbbVie sia un’opportunità da tenere in seria considerazione.

Le migliori piattaforme per comprare azioni AbbVie

Per comprare azioni Abbvie in totale sicurezza azzerando il rischio di truffe, molti broker online offrono servizi eccellenti, semplici e affidabili. Fra questi, uno dei migliori e innovativi, a nostro parere, è sicuramente eToro.

eToro per comprare azioni AbbVie

Fino agli anni ‘90, l’acquisto di azioni era appannaggio di una ristretta cerchia di professionisti. Poi arrivò il trading online, che avvicinò migliaia di persone comuni a questo mondo finora irraggiungibile, con risultati rivelatisi poi altalenanti e moltissime defezioni. Comprare azioni divenne facile, ma individuare quelle giuste rimaneva sempre un’operazione per pochi.

Dieci anni fa eToro, irrompe nel mercato dei broker con una piattaforma capace di sovvertire definitivamente l’approccio al trading online.

Regolamentazione della FCA, robustezza dell’architettura, zero commissioni, possibilità di operare sui CFD, e l’innovativa modalità di Copy trading, sono le parole chiave che fanno di eToro un intermediario di primaria importanza.

Con eToro il trading diventa Copy trading

Se con il trading online tradizionalmente inteso ciascuno di noi faceva affidamento sulle proprie capacità, con eToro questa fondamentale operazione di valutazione degli strumenti finanziari più appetibili, attraverso la funzione di Copy trading viene affidata a esperti del settore.

Dal nostro account potremo replicare fedelmente e in tempo reale le performance dei migliori trader che operano con noi su eToro.

È sufficiente individuare i migliori trader leggendo le loro percentuali di rendimento e la loro operatività, autorizzare la replica del suo portafoglio, e iniziare a guadagnare.

Questo, è il concetto di ‘social’ introdotto da eToro. Questa è la spiegazione di come oltre l’80% dei 3,5 milioni si trader registrati guadagna regolarmente.

Non dimentichiamoci mai, tuttavia, che qualunque investimento in strumenti finanziari comporta dei rischi più o meno grandi. È opportuno quindi documentarsi approfonditamente sia sulle modalità operative che sulla piattaforma che andremo a utilizzare.

Puoi negoziare azioni AbbVie senza pagare commissioni registrandoti su eToro

Perché comprare azioni Abbvie: la storia

Il gruppo AbbVie inizia la propria attività nel 2011 a seguito di uno spin off della Abbott Laboratories, storico gruppo farmaceutico fondato a Chicago nel 1888 dal medico Wallace Calvin Abbott. La casa madre continua nella produzione e distribuzione di farmaci medicali, al nuovo gruppo AbbVie invece viene assegnato il comparto ricerca e sviluppo, nonché la produzione di farmaci innovativi.

La scissione dei due rami si è completata nel 2013, anno di ingresso in Borsa del gruppo. Oggi la multinazionale AbbVie può contare sulla distribuzione dei propri farmaci in oltre 170 paesi, e su quasi 30.000 dipendenti distribuiti su tutti i continenti.

In Italia AbbVie dà lavoro a 1300 dipendenti. Lo stabilimento di Campoverde di Aprilia (provincia di Latina), occupa 800 persone impegnate nella produzione di farmaci che vengono esportati in 100 paesi. Nella sede italiana, AbbVie ha recentemente fatto un investimento di 60 milioni di dollari per la ricerca su una innovativa linea di farmaci rivolta alla cura di tumori, dell’epatite C e delle malattie autoimmuni infiammatorie croniche. Nel 2015 il sito italiano ha ottenuto numerosi riconoscimenti e un fatturato di un milione di Euro.

Di cosa si occupa il gruppo AbbVie

La ricerca scientifica innovativa è sicuramente il settore trainante di questa azienda. I suoi interessi si rivolgono al trattamento della malattia di Chron, del morbo di Parkinson, degli squilibri del testosterone, dell’AIDS, dell’artrite reumatoide, delle malattie della tiroide, della mucoviscidosi e della psoriasi.

Humira, il famoso super farmaco privo di interferone sviluppato per l’epatite C, è ormai divenuto un prodotto a diffusione di massa. Ma è solo un esempio dell’impegno che l’azienda dedica costantemente al settore di ricerca.

Abbvie può contare su 21 centri operativi sparsi nel mondo, fra centri di ricerca e stabilimenti di produzione, che la collocano nella classifica delle aziende farmaceutiche a livello mondiale, fra le prime dieci. Inoltre è membro attivo dell’OCC (Oslo Cancer Cluster), l’organismo internazionale della ricerca sul cancro, presso cui partecipa con i propri studi immunologici anti cancro e sulla medicina di precisione.

La produzione dei farmaci innovativi di AbbVie è destinata prevalentemente ai mercati italiano, americano, giapponese, inglese, spagnolo, tedesco, francese, canadese, brasiliano e olandese.

Qualche dato prima di comprare azioni AbbVie

Il gruppo AbbVie Inc. è quotato con il codice ABBV nella Borsa di New York (NYSE).

A partire dal 2013, anno di ingresso alle quotazioni, le azioni AbbVie hanno mantenuto un trend mediamente rialzista.

Il periodo immediatamente successivo la scissione, il titolo si mantenne intorno ai 39 dollari per azione. Furono i due anni successivi che videro il titolo posizionarsi su un trend decisamente rialzista portandolo più volte a superare i 69 dollari per azione. Nei tre anni compresi fra il 2014 e il 2017 il titolo si mantenne in una fase laterale, con un valore che oscillò fra 50 e 70 dollari, fino ad arrivare al 2018, anno in cui il titolo AbbVie superò i 123 dollari per azione. Poco dopo il titolo rientrò nella suo moderato trend rialzista di lungo periodo.

Attualmente il titolo è caratterizzato da bassi scambi giornalieri causa uno scarso interesse dei grandi investitori istituzionali. Il titolo evidenzia pertanto oscillazioni di prezzo molto contenute.

Il titolo AbbVie, comunque, nel lungo periodo mantiene una costanza sovraperformante rispetto all’indice di riferimento.

Attualmente il gruppo ha al suo attivo circa 30.000 dipendenti e distribuisce i propri farmaci in oltre 170 paesi. La media del suo fatturato annuo è di 23 miliardi di dollari.

Nel periodo tra il 2017 e il 2019 il fatturato è aumentato del 17,90%, e il suo margine operativo lordo è variato da poco più di 11 milioni di dollari a 15 milioni, con ricavi di oltre 32 miliardi e un utile netto di 5,6 miliardi (dati 2015).

Nello stesso periodo, tuttavia, si incrementa il suo indebitamento finanziario netto (30,4 miliardi di dollari) con un rapporto debt to equity che transita da 3,81 a 6,56.

Le acquisizioni e le partnership di AbbVie

Recentemente AbbVie ha acquistato il gruppo Allergan per un investimento di 63 milioni di dollari. Allergan è la società a società farmaceutica irlandese divenuta famosa per la produzione del Botox. Il risultato di questa fusione è un fatturato di 49 miliardi di dollari annui e un utile netto di circa 5,6 miliardi.

La politica di sviluppo di AbbVie tende a individuare innovative strategie terapeutiche anche attraverso accordi di partnership con aziende in grado di apportare valore aggiunto alla propria attività di ricerca e ai propri prodotti già in distribuzione. Il gruppo ha stretto accordi con molte aziende, ciascuna delle quali è specializzata in un settore specifico di ricerca. Molte di esse sono aziende biotech, con una avanzata specializzazione nei comparti delle neuroscienze e delle malattie neurodegenerative (Prevail, E-Scape Bio), nel settore delle malattie autoimmuni ( Palleon Pharmaceuticals, Paragen Bio) e in quello delle malattie oncologiche ( Quentis Therapeutics, Tizona Therapeutics ).

Comprare azioni AbbVie: cosa dicono gli analisti

Nonostante le incertezze sul medio periodo evidenziate dal titolo AbbVie, il pensiero degli analisti sul lungo periodo sembra comunque sostenuto da ottimismo, grazie alla continua ricerca dell’innovazione del gruppo.

La strategia aziendale messa in atto per mantenere la prima posizione in classifica fra le aziende biotech nel Dow Jones Sustainability Index, sembra inoltre funzionare correttamente nel sostenere gli assetti previsionali degli analisti.

Gli stessi investimenti di AbbVie (40 milioni di dollari in cinque anni) volti a migliorare i risultati sull’impatto ambientale, iniettano ulteriore ottimismo alle stime previsionali.

Nel 2020 il gruppo prevede infatti di ridurre del 10% il consumo di acqua, di energia, di produzione di anidride carbonica e di rifiuti. In questo modo si allineerebbe sempre più a quelli che sono gli standard di sostenibilità e di rispetto dell’ambiente stilati a livello globale.

Il segmento innovative-biotech, secondo gli analisti, è attualmente l’unica strategia applicabile per AbbvVie, per garantirsi una quotazione sul mercato. A parere loro, infatti, sul lungo periodo sarebbero favorite proprio le aziende che operano nella ricerca dell’innovazione farmacologica, come Biogen, Vertex Pharmaceuticals e Bristol-Myers Squibb.

Comprare azioni AbbVie: cosa compriamo realmente?

Nelle comunicazioni redatte periodicamente dalla multinazionale, apprendiamo che alla data del 30 marzo 2019, l’azionariato AbbVie è composto da quattro investitori istituzionali. Le azioni AbbVie sono possedute oltre che dalla società stessa anche dalla Capital Research Global Investors per il 9,91%, dalla Vanguard Group per l’8,17%, dalla Blackrock per il 6,44% e per il 4,478 dalla State Street Corporation.

Nel 2018 il titolo AbbVie ha distribuito agli azionisti un dividendo pari a 3,59 dollari per azione. Un importo decisamente elevato che comunque rimane in linea con il comparto innovative-biotech, un settore in cui i guadagni possono essere elevati, ma che contestualmente possono presentare un grado di rischio anche molto alto.

La figura del cassettista va quindi studiata e approfondita ogni qualvolta la nostra operatività si sposti sul lungo periodo.

Infine, quali sono i principali competitor della multinazionale americana che potrebbero metterla in crisi adottando strategie aziendali di diffusione su scala planetaria di farmaci innovativi?

Si tratta ovviamente di grandi gruppi farmaceutici. Nella classifica stilata in base ai fatturati dichiarati nell’anno 2018, il gruppo AbbVie si trova al settimo posto. Al primo posto si trova l’azienda farmaceutica statunitense Pfizer, con oltre 52 miliardi di dollari fatturati, seguita da F. Hoffmann-La Roche, Sanofi, Johnson & Johnson, Merk,e Novartis, che precede AbbVie con 33 miliardi.

Comprare azioni AbbVie: previsioni per il 2020

Nel momento in cui scriviamo il titolo AbbVie quotato al NYSE di New York ha un valore di 88,82 dollari.

Proviene da un trend di medio periodo (settembre 2019) decisamente rialzista. L’intero suo percorso borsistico si è mantenuto comunque sempre di natura rialzista. Alcune oscillazioni legate a acquisizioni e a scelte strategiche ne hanno puntualizzato il decorso, senza tuttavia alterare la sua tendenza moderatamente rialzista di medio periodo.

L’appartenenza al comparto innovative-biotech e le scelte strategiche del gruppo, sempre nell’ottica della ricerca, dell’innovazione farmacologica e della sostenibilità ambientale fanno del titolo uno strumento finanziario che a parere degli analisti può essere guardato con interesse.

Comprare azioni AbbVie: Target price

Dopo una vistosa discesa da circa 90 dollari a inizio 2019 al minimo di 62 dollari, il titolo ha ripreso un trend decisamente rialzista riposizionandosi intorno agli attuali 88 dollari per azione.

Il grafico a un anno mostra una resistenza da superare intorno al valore attuale, ovvero la resistenza già formatasi tra la fine del 2019 e il gennaio 2020.

Secondo gli analisti è verosimile per il titolo AbbVie definire un target price posizionato a quota 93 dollari.

Conclusioni

Esaminando nei dettagli il gruppo AbbVie, abbiamo evidenziato come il titolo che lo rappresenta sia caratterizzato da una grande valenza di innovazione nel settore della ricerca farmacologica. Allo stesso tempo possiede un andamento azionario con lievi scostamenti di prezzo e un andamento moderatamente rialzista.

Una configurazione di questa natura non deve trarre in inganno e condurre a scelte operative affrettate e rischiose.

I titoli appartenenti al comparto innovative-biotech possono condurre a rilevanti guadagni ma anche a grandi rischi del proprio capitale.

È indispensabile dunque non soltanto conoscere l’azienda, le sue strategie, le partnership e gli obiettivi, ma è fondamentale affidarsi a una piattaforma di trading di primaria importanza, certificata e in grado di offrire servizi di ottima qualità.

eToro è la piattaforma di trading online ideale per comprare azioni AbbVie. La sua funzione Copy ci permette di replicare l’operatività dei trader che ottengono le migliori performance. Oltre l’80% dei trader registrati è in profit.

Iscriviti qui su eToro ed acquista azioni AbbVie a commissioni zero

Our Score
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]