diamante puro

Tra banche e multe, investire oggi in diamanti conviene ancora?

Investire oggi in diamanti, una scelta non facile

I diamanti sono una forma di investimento antica ed esclusiva, ma certo non di grande diffusione. In Italia e non solo tuttavia negli ultimi anni molte società di gestione del risparmio e soprattutto banche hanno iniziato a offrire diamanti da investimento nei propri portafogli indicandoli come asset dotati di grandi potenzialità e come alcuni tra i migliori investimenti sicuri. Le formule usate dagli istituti di credito puntavano ovviamente sui punti forti di queste preziosissime pietre che indubbiamente posseggono vantaggi unici ed esclusivi: il bene rifugio per eccellenza, un asset limitato in grado di acquisire valore col passare del tempo, un gioiello piccolo ed esentasse, in grado di resistere a crisi uscendone anzi rafforzato. Tutti punti relativamente veri peraltro, ma che non dovrebbero far scordare agli investitori l’altra inevitabile faccia della medaglia.

Investimenti sicuri diamanti
Oltre 15 milioni di multa, questa la pena per le 4 banche italiane coinvolte nello scandalo.

Infatti investire in diamanti non è certo un processo facile, lo abbiamo spiegato nei diversi articoli dedicati in passato al tema e lo stesso vale oggi, ma a prescindere da questo molti lettori ricorderanno la trasmissione Report che il 17 ottobre 2016 ha portato alla luce in un servizio d’inchiesta i poco trasparenti investimenti in diamanti offerti dal colosso della finanza italiana Banca Intesa Sanpaolo in collaborazione con la società di settore Diamond Private Investment. Il team di segugi della giornalista Milena Gabanelli ha portato l’attenzione mediatica nazionale sul tema, anche se per poco tempo, scoprendo uno scandalo dalle proporzioni nazionali. Consob prese immediatamente le distanze, mentre l’Antitrust iniziò i controlli in attesa di prendere provvedimenti che solo negli scorsi giorni sono stati finalmente resi noti.

I diamanti sono ancora un investimento sicuro, attenzione ai partner finanziari

Antitrust e Autorità garante della Concorrenza infatti hanno decretato che i consumatori sarebbero stati ingannati dai funzionari degli istituti di credito coinvolti, i quali hanno approfittato delle caratteristiche dei diamanti da investimento per portare a termine una truffa ai danni degli stessi risparmiatori. È stata quindi imposta una multa da oltre 15 milioni di euro alle 4 banche italiane interessate, ovvero Monte dei Paschi di Siena, BBPM, Unicredit e Intesa Sanpaolo, oltre che alle 2 società specializzate in commercio e compravendita di diamanti coinvolte (Dpi e IDB). Nello specifico le autorità contestano alle società IDB e Dpi “profili di scorrettezza per le informazioni ingannevoli e omissive diffuse attraverso il sito e il materiale promozionale (destinato anche alle banche) predisposto in merito al prezzo di vendita dei diamanti, all’andamento del mercato dei diamanti e all’agevole rivendibilità dei diamanti”.

Mercati finanziari investire in diamanti
Investire oggi in diamanti conviene ancora? Sì, ma non è facile e attenzione ai partner.

Oltre al comportamento scorretto delle società rimane però la colpa degli istituti, i quali sono rei di aver proposto ai risparmiatori diamanti da investimento a quotazioni notevolmente più alte (anche 70%) rispetto a quelle reali, che ricordiamo non sono accessibili a tutti ma sono riservate ai pochi addetti ai lavori che possiedano un listino Rapaport. Infine le autorità parlano delle “condizioni di compravendita predisposte di IDB e Dpi, che hanno violato i diritti dei consumatori relativi al ripensamento senza mettere a disposizione il relativo modulo né specificarne i termini per l’esercizio”. Ora comunque la questione è stata chiusa, ma certo questa faccenda ha contribuito a sporcare la reputazione di un asset altrimenti interessante come i diamanti, verso i quali ora i risparmiatori italiani sono particolarmente diffidenti. La colpa è comunque in questo caso delle società e delle banche, che hanno semplicemente fatto leva sui punti forti di un bene che preso di per sé è davvero un ottimo investimento sicuro.